La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

lunedì 8 ottobre 2012

Tirata di orecchie: leggete i post prima di chiedere consigli! 330°

Cari lettori del blog, adesso capisco i siti che chiedono di leggere le FAQ prima di porre domande!

Ricevo molte mail di persone che, cercando risposte ad un problema, scoprono il blog, lo trovano interessante e pongono domande alle quali ho già risposto, in forme diverse, cento volte. E di solito mi avvertono del fatto che sono urgenti.
A loro dico: cari lettori, ci sono in questo momento 405 post pubblicati, 1014 commenti, e una stringa "CERCA NEL BLOG" attraverso la quale potete fare ricerche interne. Capisco che è più comodo piazzare la domanda, ma dovete capire anche che non è comodo per me rispondere alla stessa domanda tante volte.
C'è un intero blog, ho scritto un libro di 188 pagine (anche in versione eBook) e da parte vostra non c'è neanche la pazienza di dedicare del tempo a cercare?
Scrivo questo post, perché vorrei avere tempo per rispondere a tutte le domande alle quali non ho ancora risposto.
Grazie!


4 commenti:

  1. Ciao Isabella,
    volevo chiederti una cosa che non ha molto a che vedere con il tuo post qui sopra, ma non sapevo dove scriverla e così l'ho piazzata qui. Prima di tutto di nuovo grazie per i tuoi consigli! Mi sto sforzando di applicarli meglio che posso e vedo dei miglioramenti. Certo, ancora non riesco a ottenere il silenzio perfetto di cui parli tu durante le spiegazioni, ma non c'è neanche baraonda. Inoltre ora capisco meglio tante cose e vedo che sono un po' più pronta nel reagire. Le mie domande sono:

    1) Quest'anno ho deciso che voglio lavorare di più sulla relazione con i miei alunni e così mi sono accorta che parlo molto poco con loro perché in realtà non riesco a trovare molti argomenti di conversazione. Tu di cosa parli con loro? E che cosa racconti di te? Io mi sento in imbarazzo a raccontare loro di me, anche se non entro mai in questioni molto personali e private ovviamente. È giusto chiedergli di parlare dei loro problemi personali in classe, visto che a volte sono problemi familiari e quindi cose private? Io ho sempre paura di violare la privacy delle loro famiglie, in un certo senso. Come avrai capito sono una persona dal carattere riservato. Inoltre dedichi un tempo preciso (per esempio 5 minuti prima di iniziare le lezioni) a chiacchierare con loro o aspetti che queste conversazioni nascano spontaneamente se c'è l'occasione?

    2) Tu insisti molto sul rendere le lezioni interessanti per farsi ascoltare. Volevo sapere come proponi quindi tu le lezioni di grammatica. Io insegno inglese, ma forse potrei riciclare le tue idee. Non mi dire di usare le canzoni o la LIM perché ho già provato e non ho ottenuto granché e con i giochi si ottiene una gran confusione.

    Ciao e grazie! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Laura, credo che tutte le risposte siano già nel blog e soprattutto nel libro. Lo hai letto? Hai letto il blog dall'inizio?
      Fammi sapere!

      Elimina
  2. Ciao Isabella, il blog sì, l'ho letto tutto dall'inizio, il libro invece non ancora.

    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bene, Laura. Allora, dopo aver letto il libro, fammi sapere se hai ancora delle domande senza risposta :-)
      A presto!

      Elimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010