La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

lunedì 27 febbraio 2017

Se una persona vuole morire, chi dà il diritto agli altri di obbligarla a vivere? 609° post



Non so esprimere il dolore che provo ascoltando gli appelli di DJ Fabo, che potrebbe essere mio figlio. Dolore e rabbia.

Scrivo oggi, quando ancora non so come finirà il suo viaggio in Svizzera verso la libertà, perché voglio parlarne sapendolo ancora vivo. 

DJ Fabo vuole assolutamente morire. Ha implorato tutti. Eppure non c’è niente da fare. Qualcuno decide per lui che no, non è giusto (ma per chi? Si può sapere, esattamente?): non deve morire, non deve essere aiutato a morire e non deve essere neanche accompagnato dove lo aiutano a morire. Sono irremovibili, sicurissimi di essere dalla parte della ragione: deve vivere, perbacco!
Fabiano Antoniani – per tutti Dj Fabo, ma per i suoi cari Fabiano - 40 anni, è un ex ragazzo allegro, un ex ragazzo vulcanico, un ex ragazzo sportivo, un ex centauro, un ex broker, un ex assicuratore, un ex DJ.
Adesso è tetraplegico e cieco: non può vedere, non può muovere le braccia, le mani e le gambe. Non può neanche suicidarsi, Fabiano. Ma può chiedere, implorare con disperazione, di liberarlo da quella prigionia che gli altri si ostinano a chiamare “vita”.
Ci sono quattro domande che vorrei fare a tutti, a ognuno di quelli che si battono per impedire l’eutanasia e che sicuramente avranno da ridire su questo mio post.
La prima è “Che cosa significa vita?”.
La seconda è “Chi decide se la mia è ancora vita?”.
La terza è “Ma se anche fosse vita, se per VOI fosse vita, ma PER ME non lo è più, chi vi dà il diritto di OBBLIGARMI a vivere?”.
La quarta è “Ma quando dite che non è giusto, PER CHI, ESATTAMENTE, non è giusto?”
Vorrei esclamare a gran voce che sono assolutamente favorevole all’eutanasia. Sono favorevole al testamento biologico.
Sono convinta che tenere in vita una persona che non può più fare nulla sia una crudeltà inaudita, per lui e per chi lo ama. Come lo sarebbe uccidere una persona che ama vivere.
Sono convinta che ognuno debba decidere della sua vita.
Credo che se ci sono persone che vivono una disabilità anche gravissima e vogliono vivere, nessuno si sogna di dir loro che la loro vita non è vita e che devono morire. Ricordo benissimo la meravigliosa Rosanna Benzi, tetraplegica, che visse 29 anni dentro un polmone d’acciaio, ma seppe sorridere, combattere per i diritti dei disabili e scrivere due libri. Meravigliosa. E allora? Che cosa significa? Che tutti dobbiamo vivere come lei perché la vita è sacra? Ma "sacra" in che senso?
In che senso si impedisce a qualcuno di scegliere di morire portando qualche esempio di persone che si risvegliano dal coma? Che cosa c'entra? E quelli (la maggioranza) che non si risvegliano più?

Ma chi sono queste persone che si ergono a giudici supremi? Se uno è tanto disperato da voler morire, perché qualcuno gli dice “Devi continuare a soffrire, anche se soffri tanto da desiderare la morte”?
Qualcuno oggi ha detto che lo Stato ragiona così: “Stai male? Stai malissimo? Ti aiuto io, ti do tutto il supporto per farti affrontare la malattia o la disabilità, ma non posso lasciarti morire”. Se ne avessi avuto voglia avrei riso forte. Ma in quale fiaba lo Stato dà tutto il supporto possibile? E poi: se anche fosse, e non potesse fare nulla? Lo Stato, per esempio, può far tornare la vista a Fabiano? Farlo camminare di nuovo? Farlo correre, mettere su musica, ridere, viaggiare? E se lui non vuole più vivere nella gabbia che ha avuto in sorte, che diritto ha lo Stato (o chiunque altro) di dirgli di no?

Caro, carissimo Fabiano, ti auguro con tutto il cuore di trovare la libertà.  




Per notizie sull’eutanasia e sul fine vita, leggete qui.


P.S.  Ore 11.40 del 27 febbraio 2017: Fabiano è finalmente libero. 







martedì 14 febbraio 2017

CONCORSO "LE COPIE DEI MIEI LETTORI" su FACEBOOK. 608° post


la mia copia, natalizia :-)


È successo così: i miei lettori ogni tanto mi mandavano la foto della loro copia de "L'arte di insegnare", e, dato che mi piaceva molto l'idea, ho creato un album, che potete vedere su Facebook.
Qualche mese fa, poi, ho pensato che in qualche modo volevo aggiungere un piccolo premio e ho inventato questo concorso, al quale potete partecipare solo se siete su Facebook, perché lì le cose sono trasparenti, dato che il vincitore lo scegliete con i "mi piace".
Eccolo! 
CONCORSO "LE COPIE DEI MIEI LETTORI"
Ognuno di voi può mandarmi ENTRO LA MEZZANOTTE DEL 15 MARZO una foto della sua copia (cartacea o ebook) ambientata in modo particolare: in giardino, in viaggio, in camera, in classe, fra i fiori, con voi o senza di voi, ecc.. Siate creativi!
Cominciate a votare e a farvi votare.

Si può votare fino alla mezzanotte de 20 marzo.
Il 20 marzo è il primo giorno di primavera (per precisione quest'anno inizia alle 10.29, ma facciamo pure fino a mezzanotte) 
Oltretutto è anche la Giornata mondiale della felicità!


LE TRE foto che otterranno più "mi piace"   riceveranno una copia del mio nuovo libro con dedica.

Non si vincono viaggi esotici, ma è carino, no?

giovedì 9 febbraio 2017

Non solo grammatica: ecco, per esempio, che cosa facciamo in classe. 607° post

Per insegnare bene ci vuole molto tempo, perché le cose da dire e da spiegare sono moltissime. 
Mi viene in mente di far capire, sempre agli stessi 600 docenti universitari e non, che cosa fanno gli insegnanti in classe. 
Metto di nuovo questo post anche per chi non lo ha ancora letto. 
Contiene una delle lezioni presenti ne "L'arte di insegnare", letta da me, come regalo per festeggiare con i miei lettori, il raggiungimento del milione di visite al blog.

martedì 7 febbraio 2017

Se i ragazzi non sanno scrivere, leggere e parlare. Il mio articolo su Il Libraio. 606° post

"I ragazzi non sanno l'italiano", hanno scritto 600 docenti universitari lanciando un appello al governo perché faccia qualcosa. 
Non sono d'accordo su nulla e perciò ho risposto.

È stato molto difficile scegliere che cosa spiegare fra le tantissime cose che ci sarebbero state da dire.
Vorrei precisare un concetto per rispondere a chi insegna altre materie e rimane perplesso di fronte all’idea di un aumento delle ore di italiano.

È ovvio che il problema dell'italiano è il problema di altre materie. Ma qui si sta parlando dell'italiano e per questo ho parlato dell'aumento delle ore di italiano. E se ci pensate bene, dicendo che ci devono essere ore al mattino e ore al pomeriggio di italiano, ho voluto fare una provocazione: 
Oltre a – Un aumento delle ore di italiano in tutti gli ordini di scuola
ho scritto infatti anche 
- Una revisione delle materie di studio. Problema molto delicato, ma da affrontare.
E ho scritto anche che le ore a scuola sono troppe per gli alunni di tutti gli ordini di scuola. Allora emerge questa situazione:

Troppe ore a scuola + più ore di italiano, più ore di matematica, più ore di chimica, più ore di inglese, più ore di francese = quante ore dovremmo fare? Come facciamo? Che cosa togliamo? E dove vanno a finire gli insegnanti che verrebbero considerati “meno importanti”? 

Non è un problema delicato, ma delicatissimo. È un problema più che delicato. E' un nervo scoperto. Lo so, credetemi. Ma ho voluto proprio mettere in evidenza questo problema. Dobbiamo pensare a cose come questa, non a fare degli altri test.


Italiano a scuola: cosa non hanno capito i 600 firmatari dell’appello al governo

di Isabella Milani | 07.02.2017

"Il grosso, l’enorme problema è che la situazione è così ingarbugliata e incancrenita che è difficile adesso, porre dei rimedi veri. Dare la colpa a qualcuno in particolare è ridicolo. E’ ridicolo soprattutto dare la colpa agli insegnanti, perché le colpe principali sono esterne alla scuola (a partire dalla politica e da chi manovra i gusti e gli acquisti). "

Leggete l'articolo cliccando qui.

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010