La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SEGUIMI su facebook

mercoledì 28 settembre 2016

Gli insegnanti sono pubblici ufficiali, ricordatevelo. 583° post

Molti mi hanno chiesto che cosa ne penso del video che sta girando in internet del ragazzo che aggredisce la professoressa dopo un rimprovero. Non avrei voluto pubblicizzare ancora quel video, ma alla fine ho deciso di rispondere, e la risposta vale per tutti i video di questo genere.

Una per tutte, ecco la lettera di Pino, che mi scrive:
“Salve Prof.ssa Milani,
 innanzitutto le vorrei fare i complimenti per il suo blog ed il suo libro che ho letto e sono una fonte d'ispirazione per me.
Il motivo per cui le scrivo è che vorrei una sua opinione sul video che sta girando sui social network su un ragazzo che aggredisce una professoressa.
Ciò che le chiedo, in qualità di docente alle prime armi, più nello specifico è:
- come ci si dovrebbe comportare in queste situazioni?
- come evitarle? (Non arrivare a queste scene dove la professoressa si abbassa al livello del ragazzo penso che sia la cosa migliore, anche se non incolpo assolutamente la professoressa. In certe situazioni è facilissimo pontificare ma non agire. Non incolpo neanche il ragazzo, in fondo è lo specchio della società in cui ci troviamo.)
- quali strumenti si hanno per sanzionare l'alunno in questione? (Qualcuno mi ha detto l'importante è che sia andata dal dirigente a riferire. In questi tempi però dove la scuola viene gestita come un'azienda ed anche per quieto vivere, il dirigente è molto probabile che risponda:" E' colpa sua che non ha saputo motivare i ragazzi" lavandosene così le mani ed abbattendo moralmente la professoressa.)
In attesa di una sua qualunque risposta la ringrazio dell'attenzione.
Cordiali saluti. Pino”

Che cosa penso? Credo che in realtà non sia nulla di eccezionale, perché basta cercare su youtube e se ne trovano altri. E non mi interessa in questo momento parlare di quello che farà o non farà il dirigente. Mi interessa solo quello che vedo nel video.
Vedo un ragazzo molto aggressivo e maleducato e volgare che aggredisce un’insegnante.
Più precisamente, vedo un’aggressione a pubblico ufficiale.
Tu scrivi “Non incolpo neanche il ragazzo, in fondo è lo specchio della società in cui ci troviamo.” Io invece lo incolpo, eccome. Perché quello che dico (e scrivo nel blog e nel libro) del fatto che un alunno che si comporta male è un ragazzo che soffre, è riferito ai bambini e ai ragazzi, che non sanno ancora esternare il loro disagio in modo equilibrato e perciò perdono il controllo.
Quello che vedo qui è un ragazzo alto 1.80, che se non è ancora maggiorenne lo sarà fra pochissimo; uno che voterà e il suo voto varrà quanto quello di tutti noi.
Vedo un ragazzo che con buona probabilità tratta così la madre e tratterà così tutte le donne della sua vita e poi i suoi figli. Vedo uno che potrebbe anche picchiarle, le donne della sua vita. Perché non si diventa così aggressivi per un rimprovero o la minaccia di una nota sul registro. Un uomo civile non tratta così nessuno, figuriamoci una donna, fisicamente più debole di lui.
Vedo un ragazzo che ha dei grossi problemi di controllo della rabbia, che minaccia fisicamente la sua insegnante,  urlando, andando minacciosamente verso di lei con il pugno, o la mano o il dito molto vicino al viso della donna. “Della donna”, perché la professoressa, prima di essere un’insegnante, è una donna. Non importa, in questo caso perché, come e quando questo ragazzo è diventato così: a quell'età non si può più giustificare o perdonare un comportamento così aggressivo.
Vedo - lo voglio ripetere- un’aggressione a pubblico ufficiale: il ragazzo andrebbe denunciato e punito dalla legge. L’insegnante deve mettere per iscritto quello che è accaduto, farlo protocollare e chiedere al dirigente scolastico che prenda provvedimenti: direi che più di quindici giorni di sospensione sarebbero giustificati (e comporterebbe la bocciatura), soprattutto perché accennava al rischio di perdere l’anno e quindi si capisce che aveva già preso altre note. Se la Scuola lascia perdere (come probabilmente avrà lasciato perdere negli anni precedenti), se risponde con una blanda punizione, questo ragazzo andrà avanti così. Impunito.
Intorno, in quella classe, vedo degli smidollati immaturi, che ridono invece di aiutare la professoressa, che sembrano quasi sperare che il ragazzone macho passi ai fatti e le dia un pugno. Ragazzi immaturi che meritano anche loro una sospensione consistente.
Vedo un ragazzo che filma e poi mette su youtube la bella prodezza del compagno, anche se è vietato dalla legge, oltre che da tutti i regolamenti scolastici. Anche per lui ci vorrebbe una denuncia e una sospensione consistente.
Poi vedo un’insegnante, che ha sbagliato, perché ha perso la pazienza (però sfido chiunque, prima di tutto i genitori, a non perderla in quella situazione), ma che apprezzo, perché non si è lasciata intimorire.
Che cosa avrebbe dovuto fare l’insegnante? Prima di tutto non avrebbe dovuto arrivare a quel punto. Anche se è alle prime armi, anche se quella non è la sua classe e quindi non conosceva i ragazzi, avrebbe dovuto capire molto prima che tipo di ragazzo era quello; e com'era il resto della classe. Non è difficile, visto che ci riusciamo tutti i giorni nella vita quotidiana. Basta entrare in un locale pubblico (un bar, una discoteca, un ristorante, per esempio) e con una occhiata vediamo se è meglio girare i tacchi e andarcene.
Purtroppo gli insegnanti non possono girare i tacchi e andarsene, ma a volte vengono buttati in queste specie di fossa dei leoni, dove rischiano di essere aggrediti da ragazzoni maleducati, o violenti; rischiano di essere derisi e umiliati. E rischiano anche che arrivino i genitori del ragazzone a minacciare l’insegnante. Perché - diciamocelo- da qualcuno avrà preso – quel ragazzo – il suo modo di fare.
Questo non è un fatto isolato: può capitare a tutti noi insegnanti. I genitori dei ragazzi che nel video sghignazzavano dovrebbero essere obbligati a guardare per ore i loro figli in quel video, perché sarebbe giusto che si rendessero conto dei bei risultati della loro educazione, e perché capissero in che cosa consiste il lavoro (usurante) degli insegnanti.
Vorrei sapere come si è sentita quella professoressa andando a casa, quel giorno. Credo che non abbia mangiato, e non mi stupirebbe affatto se avesse pianto. E vorrei sapere come entra in quella classe ogni giorno, da quel giorno. E vorrei che tutti quelli che leggono si mettessero nei panni di quella ragazza, o immaginassero la loro figlia in quella situazione. E spero che a nessuno venga in mente di pensare che “se l’è cercata”. Spero che il dirigente non si sogni di chiedere spiegazioni all'insegnante.
Se fosse capitato a me, appena iniziata la sceneggiata del ragazzo non avrei più risposto. Neanche una parola. Avrei chiamato il bidello, sarei uscita e avrei chiamato i carabinieri dicendo “Sono stata aggredita in classe da un ragazzo. Potete venire subito? Ho paura che mi picchi”. E al pomeriggio avrei sporto formale denuncia, perché non è possibile che dobbiamo continuare a subire situazioni come queste. Una denuncia contro l’aggressore e una contro chi ha filmato e messo il video su youtube.
Spero che l’insegnante legga questo post, che non abbia ancora letto il mio libro, e che lo legga.


sabato 24 settembre 2016

Se commentate uno dei miei post ricordate che......

Cari lettori, se commentate un post ricordate che dovete mettere soltanto il nome, perché se mettete anche il cognome e poi scrivete "la maestra di mio figlio fa questo e quest'altro" o "la mamma di un compagno del mio bambino è noiosa" c'è qualche possibilità che legga anche lei, e non mi sembra una buona idea.

Mettete sempre il nome (QUELLI SENZA NOME NON LI PUBBLICO QUASI MAI), ma mai il cognome. Non è difficile: in fondo c'è un tasto "pubblica come", accanto c'è una tendina nella quale scegliete "NOME" e mettete quello che volete. Come adesso farò io come esempio sotto questo post.

Se vi rispondo in un post - lo ripeto- non metto MAI nessun particolare che può farvi individuare.

Quindi chi mi ha scritto con nome e cognome mi scriva di nuovo mettendo solo IL NOME.


P:S: Per esempio, Margherita

martedì 20 settembre 2016

Non è così importante essere messi in una classe invece che in un’altra. Il mio articolo su Il Libraio. 582° post



DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Informazioni personali (semiserie)

La mia foto
Italy
La professoressa Milani è una famosa professoressa italiana. Toscana, per la precisione. E' un'insegnante normalissima, come ce ne sono tante, nella Scuola italiana. Non è "una gran bellezza", ma nemmeno "una gran bruttezza". In qualche periodo c'è qualche chilo di troppo. O forse sembra a lei. Il sorriso, sì, è bello. Ma se si arrabbia la bocca diventa una lama tagliente e gli occhi azzurri si trasformano in ghiaccio grigio. Di lei potete vedere il ritratto che le ha fatto il famoso fumettista italiano Paolo Moisello, "Moise": hanno avuto la fortuna di conoscersi, parecchi anni fa, alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna.

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010