La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

venerdì 25 maggio 2012

SONO OCCUPATISSIMA!

Cari lettori, è tempo di prescrutini, di interrogazioni, di correzione degli ultimi compiti in classe e perciò anch'io, come tutti gli insegnanti, sono occupatissima! Tenetene conto se non vi rispondo subito o se non scrivo spesso!
Grazie!
Colgo l'occasione per augurare "buon ultimo periodo di scuola infuocato" a tutti gli insegnanti e a tutti gli alunni :-)

8 commenti:

  1. Gentile Professoressa,
    perché quando ha un po' di tempo non scrive qualcosa su bocciatura /promozione, come la pensa lei al riguardo, come si regola cioè quali criteri consiglia di seguire per decidere, qualche consiglio in proposito e sulla comunicazione con genitori e alunni a tale riguardo... lo scrutinio finale è un tormento ogni anno! Grazie e buon lavoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come questo? :-)
      http://laprofessoressavirisponde.blogspot.it/2010/06/suff.html
      Ciao, Roberta

      LUNEDÌ 7 GIUGNO 2010 Tempo di voti e di scrutini. 16°
      (questa è la quarta volta che sbaglio mettendo questa risposta. Spero che sia l'ultima :-))

      Elimina
    2. Vorrei qualcosa di più Isabella, dei criteri infallibili in base ai quali decidere se promuovere o bocciare, ma significherebbe... non so... la sfera di cristallo, la panacea di tutti i mali, il coperchio per il vaso di Pandora o giù di lì... insomma... non è che per caso hai qualcosa del genere nel tuo magico cappello? ;-) :-)
      Continuo a rileggere la pagine del tuo libro che trattano di questo. E ho una domanda: cos'è esattamente "il tipo di intelligenza adatta alla scuola"? E come si fa a capire se uno l'ha o no?

      Elimina
    3. Cara Valerie, "il tipo di intelligenza adatta alla scuola" è l'intelligenza che serve a scuola. Ci sono nove tipi di intelligenza, ma a scuola si valutano solo tre, massimo quattro, di questi tipi di intelligenza. Inoltre, se un ragazzo si iscrive allo scientifico (magari obbligato dai genitori) e non possiede l'intelligenza logico matematica, si troverà male. Rileggi questo post, Valerie.
      http://laprofessoressavirisponde.blogspot.it/2011/12/mi-sento-una-nullita-e-non-so-che-cosa.html
      Fammi sapere, come sempre :-)

      Elimina
  2. Gentile professoressa, puo anche scrivere come gestire le classi che alla fine dell'anno non hanno piu voglia di impegnarsi e lavorare perchè ormai la scuola è 'quasi finita'...i miei sono ingestibili gia 10 giorni prima..Cosa fare?Aiuto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Simona,non mi hai detto in che tipo di scuola insegni....

      Elimina
    2. Simona, io insegno francese alle medie. Quest'anno ho trovato una buona soluzione. A settembre son partita subito con il programma nuovo, diciamo in medias res. Niente ripasso, test di ingresso e simili (tanto non servivano a nulla). Il ripasso l'ho fatto man mano che si procedeva, attraverso dei flashback, dei rimandi, dei ripescaggi di cose utili, di riciclaggio di cose già studiate. A fine aprile ho finito il MIO programma (un programma realistico in termini quantitativi e ciclico in termini qualitativi). Prima settimana di maggio interrogazioni e verifiche finali. Da lì in poi solo cose piacevoli: canzoni, film, giochi per esercitazioni orali. Niente più compiti a casa. Sta andando bene. I ragazzi partecipano attivamente e quindi, senza rendersene conto, lavorano. E me li sono accattivati. E' la prima volta che mi succede. Mi ci son voluti 4 anni per trovare questa soluzione. Chissà se funzionerà anche l'anno prossimo...

      Elimina
    3. Sì, faccio anch'io così :-)
      Pochissimi compiti a casa, qualche interrogazione (alla quale, come sempre, partecipa tutta la classe) e discussioni interessanti, ascolto e commento di poesie (andiamo nell'aula LIM e cerchiamo quello che ci serve su youtube), riflessioni su idee interessanti, progettazione di un libro che "potremmo scrivere", ecc.
      Fino all'ultima ora dell'ultimo giorno faccio lezione. E pretendo che stiano attenti. Ma sono anch'io parecchio stanca e quindi faccio lezioni più rilassate.

      Elimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010