La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

venerdì 23 dicembre 2016

Il Natale dei supplenti italiani. 598° post

Nelle scuole italiane lavorano molti supplenti. Sono quelli dai quali i genitori pretendono il massimo. Sono quelli che cercano di dare il massimo.

Ma lo sapete che lo Stato italiano non paga la maggioranza di loro? O li paga dopo tre mesi? 
Ma il problema è che questi supplenti pretendono di mangiare tutti i giorni!  Lo Stato chiede loro di stare senza mangiare per tre mesi. “Che male c’è?” dirà qualcuno, “Mangiano dopo tre mesi quello che non hanno mangiato prima.”.
Anche per questi supplenti è Natale. Sono giovani e hanno i bambini piccoli. 

Una delle mie lettrici mi ha scritto:
Purtroppo come supplente non ho preso lo stipendio. Non ho fatto regali. I miei bimbi hanno capito e forse credo che questo sia il Natale più bello della nostra vita familiare. Ci siamo stretti nell'essenziale. Buon Natale 🎄 a tutti.

È una vergogna e una ingiustizia. Sono arrabbiatissima, perché vorrei vedere come trascorrono le feste i politici, invece. Gli insegnanti correggono i compiti e pensano a quello che avrebbero potuto fare con i soldi.
Ho chiesto ai miei lettori supplenti se hanno avuto lo stipendio. Qualche risposta.
Vita A quelli della mia scuola no. Non vedono soldi da ottobre. Che brutto Natale!
Regina A me sì...
Giovanna Maria No. Mi hanno sempre pagato regolarmente fino a Novembre; proprio dicembre nada de nada
Vanna Ho avuto solo settembre.
Rossella A mio figlio si
Valentina Solo novembre, e nemmeno per intero
Dalila Fino a novembre sì, dicembre no :(
Maria Grazia Purtroppo niente! È da ottobre che aspetto. Che tristezza, nessuna considerazione per noi.
Mariella Niente da ottobre
Tiziana Solo ottobre e poi stop
Barbara Io aspetto ancora il primo stipendio e ho iniziato il 20 settembre. 😣
Monica Si, ottobre dopo due mesi e due giorni fa novembre

Lo trovo vergognoso!

2 commenti:

  1. Hai ragione Isabella,
    Vergognoso e indegno di uno stato (scritto volutamente con la minuscola) che a parole dice di avere a cuore le nuove generazioni e le famiglie, e poi invece....non c'è bisogno di commenti; salvo poi sentirci battezzare come bamboccioni, choosy, e ( mi è successo personalmente) persone incapaci di lottare, "sfigati" e infine (argomento preferito dai miei detrattori) "quelli che studiano e della vita non capiscono nulla, persone meno studiose sono molto più brave di te"; dico la verità....anche se ora per fortuna sono molto apprezzata dai miei collaboratori.
    Buon Natale a te e a tutti i lettori del blog, specie gli insegnati, precari e di ruolo.

    Marina

    RispondiElimina
  2. Tutti i lavoratori devono essere pagati regolarmente per il lavoro svolto, sempre!!! Quello che accade nelle scuole è veramente vergognoso e scandaloso!!! Graziella

    RispondiElimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010