La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

domenica 18 dicembre 2016

Consigli per chi si è trovato in difficoltà a gestire la classe. 595° post

So che qualcuno di voi, anche avendo letto il mio libro (se non lo avete letto, leggetelo!), si è trovato in difficoltà nei primi mesi e non sa come uscirne.

Ecco i miei consigli:

- RILEGGETE BENE IL MIO LIBRO e rifletteteci molto su. Convincetevi della necessità di imparare ad assumere un atteggiamento autorevole (il che significa che dovete non avere più quell'aria impaurita che vi rende bersaglio degli alunni).
-  Prima delle vacanze dite: "Cari ragazzi ci vediamo l'anno prossimo. Anno nuovo, vita nuova. Ci saranno dei cambiamenti perché HO DECISO che l'atteggiamemto che avete non può essere accettato anche nel 2017". (Se qualcuno chiede spiegazioni, dite : "Non ti preoccupare. Vedrete.")
- Preparatevi il discorso che farete, con il quale stabilirete dei cambiamenti. Dovete essere convintissimi, altrimenti non riuscirete a fare nulla. Scrivetelo. Leggetelo a voce alta. Fate delle prove. Registratevi. Deve cominciare più o meno così. "Ragazzi, aspettate a sedervi perché devo dire una cosa importante. Nei primi mesi ho visto che il vostro atteggiamento non è quello che serve ad affrontare seriamente la scuola. Avete fatto.... (descrivete quello che fanno. Non lasciateli parlare: siate seri e decisi. Nessun sorriso). Ho aspettato, vi ho lasciato fare, sperando di vedere se capivate. Invece no. Avevo deciso di aspettare fino a Natale. Non avete capisco. Quindi da oggi:
- nessuno deve più....
ecc. 
ecc.
(decidete quello che volete che facciano o non facciano. Non cose assurde ed esagerate che non potete controllare. E quando un alunno accenna a trasgredire le regole fermate immediatamente la lezione. E' perfettamente inutile parlare se non c'è attenzione, quindi non vi preoccupate del programma. Anzi, aggiungete: "da oggi, se non c'è silenzio io spiego bisbigliando e poi lo segno come argomento svolto. Poi interrogo e valuto. Per me non è un problema. Per voi?")
Alla fine chiedete: c'è qualcuno che ha intenzione di seguire queste regole?
Ovviamente dovete prevedere che cosa rispondere immaginando le varie possibilità:
Es. Io no!!!  Pazienza! E' una tua decisione.
Io sì! Bene, ti segno. Sei sicuro?
Professoressa...con qualche spiritosaggine.  "Ognuno è libero di fare quello che ritiene opportuno per se stesso. Anch'io, però.

Il resto sta a voi! Ognuno adatti il discorso come vuole.
Fatemi sapere, mi raccomado!






Nessun commento:

Posta un commento

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010