La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

giovedì 13 marzo 2014

Se si muore per la Scuola. 446° post

“Non ce la faccio più a sopportare questi rompiscatole, non ce la faccio a studiare. Non riesco più. Non posso più vivere così”
Questa è una frase contenuta nel biglietto di addio lasciato da una ragazza di terza media che si è suicidata. I rompiscatole sono gli insegnanti.
“Non si può morire così, perché la professoressa l’ha sgridata. Non è giusto. Io lo ripetevo ai prof, che lei era molto sensibile, troppo. Che non dovevano alzare la voce con lei, perché non lo sopportava. È sempre stata così. Invece la tormentavano, non la lasciavano tranquilla”.
E queste sono le parole della madre.
È terribile per noi insegnanti leggere queste notizie. Noi passiamo il tempo, la nostra vita, a cercare di aiutare gli alunni, di insegnare quello che possiamo, e l’idea che una ragazzina possa uccidersi è un fallimento. Ma non è un fallimento solo per noi: lo è per tutti gli adulti. Qualsiasi sia il motivo per cui lo fa: che lo faccia per amore, per vergogna, per paura, per i voti, perché è rimasta incinta, perché si sente in trappola per qualsiasi motivo. È sempre una sconfitta per gli adulti. Per tutti.
Perché quando qualcuno si suicida significa che non ha saputo trovare una via di uscita da un problema.
Ci sono ragazzi che si suicidano perché vengono presi in giro, perché sono stati bocciati, perché vengono rimproverati, perché hanno sfasciato la macchina del padre, perché non sanno affrontare la loro omosessualità. E sempre si dà la colpa a qualcuno. Quando il suicidio c’entra con la scuola si dà la colpa agli insegnanti. Gli insegnanti sono rompiscatole quando rompono il quieto vivere creato intorno ai ragazzi quando non si vuole insegnare loro ad affrontare i problemi. Perché è difficile e faticoso, insegnare a combattere contro le difficoltà, che prima o poi si presentano nella vita di tutti. E si dà la colpa agli altri se qualcosa va storto. Agli insegnanti, per esempio.
Ma non è giusto. Non possiamo accettare anche questo fardello.
Un ragazzo si suicida quando i brutti voti e la bocciatura vengono sventolati come tragedia, come condanna, come minaccia. Soprattutto a casa. Nella mia carriera mi sono trovata abbastanza spesso a suggerire ai genitori di essere meno rigidi con i figli e di evitare di pretendere risultati che in quel momento i ragazzi magari non potevano dare. I genitori vengono a colloquio per sapere come va il figlio, e la cosa che interessa alla maggioranza è soltanto se ha la sufficienza e se verrà promosso. E capita che se tu dici che il ragazzino ha preso 6, la madre risponda “Come..soltanto 6? Mio marito vuole che prenda almeno 7.”
Almeno 7. E se il  bambino non ci riesce proprio?
Ci sono genitori che non rimproverano mai i figli. Lo vediamo quando poi arrivano a scuola e, se li rimproveri, ti guardano con gli occhi sgranati come se avessero visto un alieno.
Ci sono genitori che non alzano mai la voce, perché cercano di parlare con i figli, perché hanno un tipo di vita che permette anche dei dialoghi sereni. Ma ci sono degli altri genitori che rischiano ogni giorno la cassa integrazione, sono nervosi, molto nervosi, e sono abituati a reagire urlando, a rimproverare insultando, a mollare uno schiaffo per sottolineare un concetto.
Ci sono figli di genitori che vanno d’amore e d’accordo, abituati a vedere sorrisi e e abbracci, e figli di genitori che si picchiano, abituati a vedere calci e pugni.
Ci sono genitori che lasciano (devono lasciare) i figli sempre soli e che non sanno quasi niente di loro; e ci sono genitori che hanno un controllo costante su ogni sospiro dei figli.
Ci sono genitori che non hanno la minima conoscenza della psicologia dei bambini e dei ragazzi e fanno errori colossali. E ce ne sono altri che hanno studiato psicologia e che fanno lo stesso errori colossali.
Nelle scuole sono insieme, tutti questi figli di genitori così diversi. Sono 25, sono 28. Troppi.
E noi, anche se stiamo attenti, attentissimi,  come possiamo accorgerci di quello che c’è dietro i loro comportamenti, i loro sguardi?
I ragazzi sono seduti tutti insieme davanti a noi, e non abbiamo quasi nessuna occasione per parlare a tu per tu, con calma. Non possiamo conoscerli, se non per quello che vediamo da lontano, dalla cattedra, attraverso il filtro della classe intera.
Noi che insegniamo italiano abbiamo qualche possibilità in più, quando sono piccoli, di leggere quello che scrivono della loro vita. Ma spesso non basta. Perché i veri problemi, di solito, non li raccontano. E, se non ce lo dicono, noi non sappiamo se a casa c’è una mamma gravemente malata, se il padre torna sempre ubriaco, se non hanno i soldi per pagare le bollette.
E quando i ragazzi arrivano alle superiori, quando diventa ancora più difficile scalfire la loro indifferenza verso la Scuola e gli insegnanti, dove è sempre più difficile essere considerati come guide, in un mondo dove solo chi ha successo e denaro ha diritto di essere ammirato, dove tutto cambia a un ritmo che noi adulti spesso non riusciamo a tenere, allora non abbiamo più molte speranze che ci confidino il loro malessere, e non abbiamo occasioni per cercare di vederlo perché siamo sempre troppo lontani da loro.

“Io lo ripetevo ai prof, che lei era molto sensibile, troppo. Che non dovevano alzare la voce con lei, perché non lo sopportava. È sempre stata così. Invece la tormentavano, non la lasciavano tranquilla”. Come possono, gli insegnanti, “lasciare tranquilla”, per esempio, una ragazza che non studia, che non viene a scuola, o che insulta i compagni? Noi dobbiamo intervenire in qualche modo. O dovremmo tacere e “lasciarla tranquilla”? Se una ragazza è molto fragile, se si spaventa quando qualcuno alza la voce, come possiamo noi insegnanti, alle prese con 25 ragazzi o bambini urlanti, non alzare mai la voce? Come possiamo non alzare mai la voce se un ragazzo dà un pugno ad un altro? Come possiamo non alzare mai la voce, o non rimproverare un’alunna che invece di stare attenta si specchia e si trucca? Perché non è così facile fare in modo che tutti e 25 gli alunni di una classe stiano attenti. Non è facile far capire a quella ragazza che si specchia e si trucca che lo studio è più importante, perché magari a casa riceve lezioni di trucco dalla madre. E quando noi, felici perché quasi tutti stanno attenti, ma impotenti di fronte a qualche irriducibile menefreghista, perdiamo per un attimo il nostro indispensabile self control e tiriamo un urlo, dovremmo essere capiti.
Se i ragazzi di una classe fossero molti di meno, se nelle scuole ci fosse uno psicologo, se alla Scuola venissero assegnate più risorse, se i genitori fossero più collaborativi con noi, e più attenti ai valori veri della vita da trasmettere ai figli, se la gente smettesse di credere che il nostro lavoro consiste semplicemente in una lezioncina che propiniamo, sempre uguale e senza problemi, agli alunni, forse – e dico “forse” – potremmo fare di più per questi ragazzi.
Perché quando un ragazzo, un figlio, si suicida per la Scuola, qualcosa non ha funzionato. Ma non sono stati gli insegnanti, la causa del malfunzionamento. Non ha funzionato l’educazione che ha ricevuto a casa, non ha funzionato il sistema scolastico che non prevede momenti per parlare con gli alunni, per capirli, per aiutarli nei loro problemi, per far loro capire che un rimprovero non significa che tutto è perduto. Il massimo che possiamo fare noi insegnanti, oggi, così come è strutturata la Scuola, è di cercare aiutare i genitori nel compito di insegnare ad affrontare le difficoltà. Perché l’educazione alla vita – non dimentichiamocelo mai – è, prima di tutto, compito dei genitori.
Non ci può essere data anche la responsabilità della capacità di vivere degli alunni.
Se  la società smettesse di abituare i ragazzi al concetto che tutto deve essere facile, che ogni ostacolo deve essere rimosso dalla loro strada, forse i  ragazzi non si drogherebbero e non si suiciderebbero.

3 commenti:

  1. Cara Isabella, condivido in larga parte ma leggendo mi sono venute in mente delle altre riflessioni.
    Chi insegna a bambini e ragazzi si troverà inevitabilmente ad affrontare studenti spesso immaturi ed a volte con dei disagi. Ci vorrebbero più psicologi, insegnanti di sostegno e genitori più attenti ma qualunque insegnante dovrebbe avere gli strumenti per gestire anche psicologicamente gli studenti. Al momento la nostra formazione non lo prevede; molti di noi si arrangiano da soli, altri rinunciano a sviluppare queste competenze magari ritenendo che siano poco importanti e vadano al di là dei propri compiti. Alla fine a volte si incontrano colleghi che fanno del male pensando di fare del bene oppure, raramente, che sfogano la loro personale frustrazione sugli studenti e li trattano male intenzionalmente. Sono pochi, è vero, ma per un ragazzino magari fragile basta un insegnante così per lasciare un'impronta negativa.
    Gli studenti passano almeno cinque ore al giorno a scuola se non di più; se creiamo, anche involontariamente, un ambiente più stressante del necessario, avremo degli alunni ansiosi, stressati e la cui capacità di vivere è compromessa, proprio come avviene agli adulti quando il luogo di lavoro è fonte di tensioni eccessive.
    Dobbiamo tutti continuare a studiare, allenarci a riconoscere il disagio dai gesti e dagli sguardi perché non abbiamo il tempo di parlare con tutti gli studenti. Lo facciamo tutti? Lo facciamo sempre?
    Sono d'accordo, non bisogna abituare i ragazzi all'idea che tutto dev'essere facile; non bisogna neanche abituare noi stessi all'idea che tutto dev'essere facile. Mantenere la calma, trattenere un urlaccio, fare del nostro meglio non è sempre facile però dobbiamo comunque fare tutte queste cose; noi siamo gli adulti e dobbiamo dare l'esempio e se noi per primi scegliamo la soluzione più semplice non possiamo rimproverare gli studenti quando fanno lo stesso.
    A scuola ho sentito qualcuno giustificare un comportamento sgarbato verso gli studenti con scuse quali "ho tante cose per la testa", "ho perso la calma" eccetera: così però diamo l'impressione che l'insegnante possa scegliere la via semplice ma lo studente no. Non dobbiamo fare così.
    Quante volte scegliamo, senza pensarci e senza volerlo, una via facile? Siamo sempre in grado di dare agli studenti esattamente quello che pretendiamo?
    (tutto questo non è scritto con intento accusatorio, sia chiaro. Sono tutte domande che io stesso tendo a pormi con una certa frequenza).
    Buona serata,
    Enrico

    RispondiElimina
  2. Caro Enrico, concludi con la frase "tutto questo non è scritto con intento accusatorio, sia chiaro". Non capisco esattamente perché pensi che quello che hai scritto possa essere scambiato per un'accusa. Ma la frase porta chi legge a pensare che tu stia contestando qualcosa. Cominci, infatti, il commento con "condivido in larga parte", che dovrebbe significare che c'è qualcosa che non condividi. Ma non capisco che cosa sia, perché non mi sembra che ci sia nulla in tutto quello che hai scritto che sia in contrasto con quello che scrivo io. E questo mi costringe a darti delle spiegazioni (cosa che preferirei non fare, perché c'è un intero blog da leggere con gli stessi concetti).
    "Ci vorrebbero più psicologi, insegnanti di sostegno e genitori più attenti ma qualunque insegnante dovrebbe avere gli strumenti per gestire anche psicologicamente gli studenti.": è ovvio. Ma non solo gli insegnanti non hanno la formazione specifica adatta, ma non devono essere chiamati a fare gli psicologi. Senza contare il fatto che le condizioni di lavoro, come ho già molte volte scritto, sono stressanti e se ci stressiamo, caro Enrico, non possiamo continuare a dare la colpa a noi. Se il nostro è un lavoro usurante (sembra che tu non ne sia convinto) questo significa che chi è usurato può anche non riuscire a essere come dovrebbe. E in quel caso la colpa è dello Stato.
    "Mantenere la calma, trattenere un urlaccio, fare del nostro meglio non è sempre facile però dobbiamo comunque fare tutte queste cose". Enrico, ti sembra che qualcuno abbia detto che bisogna lasciarsi andare a urlacci?
    Concludendo: grazie del commento, Enrico, ma ti pregherei, quando scrivi un commento, di non scrivere cose che ho detto mille volte come se le stessi spiegando tu in quel momento, in contrasto con quello che dico, perché mi costringi a controbattere. Come ho già detto, questo blog non è un forum,
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  3. .Buongiorno, credo che Enrico intendesse farlo per gli altri, per ribadire !
    Io, per esempio, da insegnante, mi sono sempre chiesta una cosa: 5 è un'insufficienza e tutti lo capiamo, 4 è un'insufficienza grave e tutti lo capiamo, ma 3, 2, e 1 a cosa servono, se non a umiliare ? anche qui so che la Prof Milani sconsiglia di darne, ma lancio l'argomento in generale !
    E' pur vero, però, che una volta si usavano orecchie d'asino, ceci su cui inginocchiarsi e bacchettate, ma nessuno si suicidava per questo.... mah
    Grazie
    Anita

    RispondiElimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010