La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

martedì 19 gennaio 2016

“Perché le maestre non riescono a gestire i bambini aggressivi?”. Prima Parte. 545° post.

“Perché le maestre non riescono a gestire i bambini aggressivi?"
"Perché le maestre non si occupano anche dei bambini che si comportano bene?"
"Perché il dirigente non fa qualcosa?"
"Perché mio figlio viene punito?".

Queste domande mi vendono poste molto spesso. Ho scelto queste lettere perché possiate farvi un’idea del problema. Evidenzio in grassetto alcune frasi che vi suggerisco di notare.

“Gentile Professoressa,
ho due figli alle elementari. Il più grande (in quarta) ha due insegnanti fantastiche e in classe c'è un bel rapporto tra tutti. L'altra invece (classe terza) ...è capitata in una classe particolare, praticamente tutti i bambini, tranne 4-5, hanno modalità di espressione e comportamento tutte declinate sull'aggressività: botte, (almeno due sono bulli fatti e finiti) urla, insulti, offese. Oppure emarginazione di bambini ritenuti meno "fighi" degli altri, ("vattene, ci rovini il gioco!", "non puoi giocare, perchè mi sei antipatico e basta!"), velenose osservazioni su difetti fisici ("...sei un ciccione, ...hai i denti gialli, ...sembri un maschio, sembri una femmina".., ecc.). Una sola bambina - adottata- è in via di certificazione, e avrà presto un sostegno. Tutti gli altri sono figli di famiglie all'apparenza normali, bambini amati e a volte viziati, seguitissimi (alle riunioni di classe sono presenti sempre una trentina di genitori, media di 1,5 genitori a bambino!) e tutti ci sforziamo di capire, ma non se ne viene a capo.
Durante le feste con la scusa di fotografarli, li osservo giocare, e devo constatare che quello dell'aggressività è proprio un fenomeno collettivo che contagia tutti, anche i bambini che sarebbero bravi. Questi ultimi, (tra cui mia figlia) un po' per esasperazione, un po' per apprendimento, hanno imparato a reagire per le rime, scatenando un circolo vizioso che peggiora di anno in anno.
 I bambini si mostrano perennemente arrabbiati, insensibili, sia di fronte alle lacrime dei compagni, sia di fronte ai fatti di attualità (hanno riso e disturbato anche durante il minuto di silenzio per le vittime di Parigi). Sono egocentrici (parlano e intervengono quando vogliono loro, alzano la mano ma parlano senza aspettare che si dia loro la parola, se non vengono scelti per dei ruoli mettono il muso e recriminano), sono polemici, non ammettono mai di avere torto ma rispondono all'infinito ("eh, ma ha cominciato lui.., eh ma prima lui ha detto... "), oppure negano e mentono anche di fronte a testimoni oculari. Le maestre credo che ormai li detestano, e ci hanno fatto più volte capire che non siamo capaci di educarli. Noi vorremmo invece che in classe facessero la loro parte, trasmettendo valori di convivenza civile e autorevolezza. Molti sostengono che i figli a casa sono educati e che solo a scuola si comportano male, quindi la colpa deve essere delle maestre, che sarebbero poco incisive, distratte, inefficaci.
 La maggioranza dei genitori non sono di quelli che proteggono i figli dalle punizioni, vorrebbero anzi più severità!!Le maestre ci dicono che passano metà del tempo a cercare di gestire la classe, per cui conseguentemente si lavora poco. Forse per questo i bambini si annoiano, ma questo non giustifica l'aggressività, ovviamente. Attualmente ci sono bambini che cominciano ad avere problemi di autostima, bambini che sono nervosi anche a casa, bambini che accusano perenne mal di testa, bambini che si fanno male un giorno si e uno no. Ma soprattutto la rabbia fuori controllo. Perchè sono sempre così arrabbiati questi bambini? Siamo in un caos, e non si sa come uscirne. Ha qualche consiglio da darci? cari saluti. Cinzia

“Salve sono madre di un bimbo che fino alla seconda elementare era felice creativo e voleva imparare, ma poi, ora è in quinta elementare e conta i giorni che mancano alla fine della scuola, nella speranza che alle media abbia la FORTUNA di avere dei compagni NORMALI e normalmente educati con i quali si possa discutere (magari anche bisticciare, ma nel limite della ragione), questa premessa per chiedere perchè tutti si focalizzano sul bimbo agitato, aggressivo, iperattivo ecc., ma nessuno pensa ai bambini educati che perdono la voglia di studiare e che per poter riaccendere l'entusiasmo devono trasferirsi e cambiare scuola come fossero loro i colpevoli, i disadattati , gli antisociali, ma che in realtà sono solo tranquilli e rispettosi????? Non è polemica è realtà attuale, grazie per una risposta. Paola”

“Salve, mi chiamo Maria e sono una mamma di un bambino di 9 anni. Volevo solo avere un consiglio riguardo un argomento delicato; nella classe di mio figlio é presente un bambino autistico. Mio figlio si è trovato con lui sia alla materna che nella primaria. Dall'inizio di quest'anno scolastico il bambino manifesta comportamenti aggressivi che non aveva mai manifestato. Innanzitutto disturba continuamente le lezioni, poi solleva il banco e cerca di lanciarlo ai compagni, lancia oggetti e si spoglia con alcuni episodi di pipi fatta in classe. I bambini sono spaventati da questa situazione e il mio, forse più sensibile, non vuole più andare a scuola perché terrorizzato. Il bambino ha sia l'insegnante di sostegno che l'educatrice e non riescono a gestire la situazione. Il dirigente mi aveva assicurato che il bambino avrebbe avuto un orario ridotto; i nostri figli frequentano la scuola dal lunedì al venerdì dalle 8.10 alle 13.40, il bambino sarebbe dovuto entrare dalle 8.30/9 alle 13 ma i genitori alle 8.15 lo portano già in classe. Doveva passare 2 ore al giorno fuori dalla classe per svolgere attività più idonee alle sue esigenze in un'altra aula ma il dirigente mi ha detto che non ci sono aule al piano terra disponibili e al primo piano il bambino non può stare perché cerca di lanciarsi dalle finestre. Sinceramente non so più cosa dire a mio figlio per tollerare questa situazione. In molti mi hanno consigliato di cambiare classe ma non volevo arrivare a questo piuttosto trovare una soluzione adatta a tutti. Sono perfettamente d'accordo nel rispetto dei diritti dei bambini "speciali" però bisogna considerare anche gli altri bambini e credo che anche loro hanno il diritto di stare a scuola tranquilli e sereni. Aspetto una risposta solo per capire se sono io a vederla nel modo sbagliato e se si potrebbe risolvere. Grazie anticipatamente e scusi il disturbo. Saluti.


“Buongiorno, mi chiamo Marta e ho un bimbo Andrea che ha compiuto 11 anni a ottobre e frequenta al prima media. Andrea è in cura dallo psicologo perché è stato riconosciuto bes e oppositivo provocatorio e ha un problema di linguaggio soprattutto sul fonico. A scuola da circa un mese si sta comportando bene ma quando vanno in palestra, negli spogliatoi i bimbi lo prendono in giro e lui reagisce. Da lunedì la professoressa di motoria d'accordo con il preside lo mandano in un altra classe e non lo porta in palestra per circa un mese. Quando Andrea viene a casa piange e vedo che sta' male e dice che si sente rifiutato. Come mi devo comportare? A scuola per valutare come si comporta la psicologa ha fatto delle faccine, una verde se si comporta bene, una gialla se si è comportato così e così e una rossa se si è comportato male, ad oggi sono sempre verdi. La ringrazio. Cordiali saluti.” 

1 commento:

  1. Quante difficoltà, ma anche quante verità in queste lettere...

    RispondiElimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010