La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

sabato 24 maggio 2014

“Può un insegnante mandare fuori dalla classe un alunno?” Seconda Parte. 458° post

Monica mi scrive:
“Può un‘insegnante di 4 elementare scaraventare di peso fuori dalla classe un alunno, mettergli un banco e fargli fare la verifica fuori, lì da solo? Il bimbo è un bambino iperattivo sotto cura.
Premetto che il clima non è dei migliori, quando c’è quell'insegnante. Senza contare che so che la suddetta è già stata richiamata verbalmente dalla dirigente per metodi non idonei...”

Cara Monica, l’insegnante non può e non deve, come ho già spiegato in questo post.
Scrivi una lettera alla dirigente e falla protocollare. Qualcosa così:
"Gentile dirigente, sono la mamma di Francesco   XXXXX, che ha una certificazione di iperattività.
Il giorno xxx mio figlio è stato messo a fare la verifica fuori dall'aula con il banco dall'insegnante Tale.
Le chiedo di rispondere per iscritto alle seguenti domande:
- l'insegnante può mandare fuori dall'aula un bambino?
- nel caso possa, chi controlla che non gli accada nulla?
- l'intervento didattico di mandare fuori dalla classe un bambino con il banco è utile ad aumentare l'autostima del bambino?
- è normale il fatto che la maestra Tale trovi strano che il bambino sia iperattivo e lo punisca per la sua iperattività, visto che è certificato proprio come iperattivo?
- quando il bambino è fuori dall'aula con il banco, può essere visto e magari preso in giro dai bambini che passano o c'è qualche paravento a tutela della sua privacy e soprattutto della sua dignità?
- È questa l’accoglienza di cui si parla nel P.O.F.?
- la maestra Tale preferisce forse che io trasferisca mio figlio e il suo disturbo di iperattività in un’altra scuola, così da non avere più noie da parte sua?
La ringrazio e attendo la sua risposta scritta. Intanto chiedo che lei, come dirigente e responsabile della scuola, si attivi a tutela del mio bambino. Grazie. Cordiali saluti"
Cara Monica, ti assicuro che avere in classe un bambino iperattivo è molto faticoso perché non c'è solo lui in classe e ti rende spesso il lavoro molto difficile e frustrante. Ma non questo il modo di affrontare il problema. 
Il bambino non ha colpa di quello che fa e deve essere aiutato. E i genitori devono capire che fare lezione con un bambino che per esempio lancia la roba, tira i capelli della bambina davanti, gira per la classe è praticamente impossibile. I genitori devono aiutare gli insegnanti e non limitarsi a pretendere che "accettino il bambino com'è". Gli insegnanti lo accetterebbero senza problemi se avessero solo lui. Non è perché non lo accettano che finiscono per fare degli errori, ma perché non sanno più come fare. I genitori devono essere collaborativi. Insieme agli insegnanti e al dirigente devono coinvolgere l'Asl e il Comune; pretendere che qualcuno aiuti la scuola a gestire il bambino, che aiuti gli insegnanti a gestire la classe dove c'è un bambino che impedisce lo svolgimento della lezione; insieme agli insegnanti e al dirigente possono studiare un orario ridotto, per esempio. I genitori devono sapere che lo Stato fa il bello facendo leggi che tutelano i bambini con disabilità, i bambini che hanno disturbi da deficit di attenzione con iperattività, o disturbi dell'apprendimento, ma poi lascia soli gli insegnanti (e di conseguenza anche i genitori e i bambini) a gestire i problemi. Bisogna che genitori e insegnanti non si mettano gli uni contro gli altri, ma uniscano le forze e comincino a pretendere - urlando  -che lo Stato renda possibile (con molte più risorse) quello che promette. L'accoglienza, l'inclusione, l'integrazione non possono essere solo parole.
 


12 commenti:

  1. Gentile prof.sia vorrei sapere cosa possiamo fare noi genitori per risolvere un grave problema che si verifica in classe dei nostri figli che fanno la prima media. C'è un'insegnante che li offende e li mortifica continuamente ( tonti, idioti, "mongoloidi", schifosi, ecc). Siamo ad anno scolastico iniziato da poco e i nostri figli sono avviliti e demotivata (giustamente). Qual'è la procedura da seguire per mettere fine a questa brutta storia? Geazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Monica. lo trovo inqualificabile. Scrivete una lettera firmata dal maggior numero di genitori, nella quale dichiarate che i loro figli raccontano a casa che l'insegnante si rivolge a loro con parole come tonti, idioti, "mongoloidi", schifosi, ecc. Si assicuri che siano proprio quelle e le metta proprio esattamente come vengono dette. Poi la mandi al Dirigente (richieda il numero di protocollo della lettera) e, per conoscenza, al presidente del Consiglio di Istituto, all'Ufficio Scolastico della sua Regione (al dirigente dei "centri servizi amministrativi" -CSA della sua città e a chi "verifica e vigila al fine di rilevare l'efficienza dell'attività delle istituzioni scolastiche e di valutare il grado di realizzazione del piano per l'offerta formativa")
      Chiedete che venga verificato se quello che dicono i bambini è vero e, se è vero, che vengano presi provvedimenti perché non accada più. Precisate che, qualunque sia il tono con cui sono state pronunciate, non accettate che quelle parole vengano usate con i vostri figli:
      Mi faccia sapere.

      Elimina
  2. Grazie infinite, la terrò al corrente. Ora però c'è il problema che, mentre a voce molti genitori si lamentano, non vogliono mettere niente per scritto...si nascondono dietro un dito e hanno paura di chissà che. Io vorrei procedere ma se non ho la maggioranza ho paura che non potrò fare niente. E mia figlia entra in ansia ogni volta che c'è lez con questa insegnante. Sono solo due ore a settimana ma sono due ore di angoscia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è un classico, sia fra i genitori che fra gli insegnanti. Provi ad andare a parlare con il dirigente insieme agli altri (pochi) genitori che accetteranno di venire. Dica che gli altri hanno paura di ritorsioni e che anche voi non siete tranquilli, Forse l'insegnante smetterà. E forse verrà richiamata.
      Mi faccia sapere

      Elimina
  3. Buona sera Prof.!!!
    Mia figlia e' in prima media e stamani al primo colloquio con la sua Prof. Di lettere mi e' caduto il mondo addosso... la Prof. Mi ha consigliato vivamente di parlare con la viceprese in quanto mia figlia, per le possibilita' che ha risulta essere un pesce fuor d'acqua in quella classe dove il livello generale e' bassissimo. Purtroppo non ha fatto che rendere reali le mie preoccupazioni gia' manifestate fin dall'inizio... Non mi aspettavo tanta chiarezza da parte di una Prof. E anche se la scelta di cambiare sezione a questo punto sembrerebbe la piu' ovvia, rimango ancora con molti dubbi sul fatto se sia giusto o meno toglierla da una realta' che e' vita in quanto credo che i bimbi non si possano proteggere per sempre.

    RispondiElimina
  4. Scusi il disturbo gentile professoressa. Vorrei chiederle una cosa: la professoressa di educazione fisica di mio figlio fa correre gli alunni nella piazza davanti alla loro palestra. É permesso dalla legge o lo può fare? Grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Maria, perché me lo chiede?

      Elimina
    2. Gentile Maria,
      gli insegnanti di educazione fisica hanno sempre fatto correre gli alunni. In palestra, fuori dalla palestra, nel cortile della scuola, sulle strade attorno alla scuola. Normale attività dell'ora di educazione fisica. Nessuno si è mai lamentato.
      Se il figlio venisse iscritto in una palestra privata a pagamento e l'istruttore proponesse di fare riscaldamento correndo nei campi (succede nella mia palestra), nessun genitore avrebbe nulla da dire.
      Invece lei chiede se è permesso dalla legge.
      Ci spiega il motivo? Grazie.
      Odette

      Elimina
  5. Cara prof sono un ragazzo di15 ci sono 2 ragazzi non mi lasciano stare.mia madre glie la detto ai prof.ma si continua ancora cosa posso fare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro ragazzo (metti un nome), spiegami che cosa fanno. Se vuoi, scrivimi una mail a professoressamilani@alice.it
      Aspetto...

      Elimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010