La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

martedì 4 giugno 2013

UNA RECENSIONE (NEGATIVA!!!!!!) AL LIBRO!!!!


Consigli Pratici Per Giovani Insegnanti
Consigli Pratici Per Giovani Insegnanti
da Isabella Milani

2.0 su 5 stelle Vera delusione2 giugno 2013

Navigando nel blog della prof. Milani ho trovato articoli interessanti e ben fatti, per cui leggendo la seguente descrizione del libro "Se siete già lettori del mio blog, comperatelo se volete un vero e proprio corso di didattica pratica, perché troverete nel libro anche i post più seguiti, ma ampliati e organizzati, da leggere e da rileggere." decisi di acquistarlo. Appena arrivatomi a casa lo lessi, ma ... che delusione! il libro, rispetto al blog, ha contenuti INFERIORI: non si capisce bene che organizzazzione abbia seguito nell'elencare gli argomenti e cosa peggiore mentre nei post ci sono ottime indicazioni su come comportarsi anche in base ai regolamenti nel libro tali indicazioni sono del tutto assenti, in compenso sostituite da commenti inutili sulla scuola e i ragazzi di oggi dell'autrice. In pratica ben pochi consigli e una versione inferiore rispetto il blog. Peccato date le potenzialità che sia un vero "pacco".


Un lettore del blog e del libro ha aggiunto oggi questa recensione negativa.
Mi fa piacere, da un lato, perché dimostra che tutte le altre sono vere :-)
Mi dispiace che Carlo sia rimasto deluso,  ma può capitare. 
Trovo però davvero strano che consideri che i commenti sulla scuola e sui ragazzi di oggi siano inutili, mentre io credo che le considerazioni sul mondo in cui vivono i ragazzi siano la base di un buon insegnamento. 
Però è interessante, per me, fare una riflessione: offro da tre anni (gratuitamente, perché non sono una sindacalista stipendiata) risposte di tutti i tipi, "ottime indicazioni su come comportarsi anche in base ai regolamenti", e proprio un lettore del blog scrive che nel libro ci sono "ben pochi consigli".
Non so se essere divertita o veramente delusa, come Carlo :-)

8 commenti:

  1. Se Carlo cerca 'l'organizzaZZione' (sic!) non la troverà certo nel libro di Isabella! ;-)
    Con simpatia.
    Valérie

    RispondiElimina
  2. forse è qualcuno che ha comprato il libro proprio per il gusto di scrivere una recensione negativa!!!
    o forse era già un docente navigato e non aveva letto bene il titolo "Consigli Pratici Per Giovani Insegnanti" :)

    Ad ogni modo tutti cerchiamo la formula magica per essere bravi insegnanti e sopravvivere e poi ci accorgiamo che la soluzione non è fuori ma dentro di noi! Capisco la possibile delusione nel non trovare soddisfacente il libro. Dopo questo libro ne ho comprati molti altri e in tutti ho trovato solo indicazioni, teoria e suggerimenti ma nessuno mi ha dato la risposta definitiva!

    RispondiElimina
  3. Mah, io non trovo questa critica così negativa. Semplicemente Carlo ha trovato il libro ripetitivo perché ha letto più o meno le stesse cose sul blog. Ciò vuol dire che ha letto il blog con attenzione, oserei dire che se lo è proprio studiato. E poi il libro gli è sembrato meno ricco rispetto al blog. Il che può anche essere vero, visto che il blog è costantemente 'aggiornato' da Isabella e 'arricchito' dalle sue risposte ai commenti. D'altra parte sono i vantaggi del digitale! Insomma, più che una critica al libro ci vedo un complimento al blog.
    Valérie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, Valérie, chiamare il libro "vera delusione", "un vero "pacco"" e dare due stelline, mi sembra che sia suggerire "non comperatelo, perché è una fregatura e vi troverete " ben pochi consigli".
      Se uno compera il libro (dimentichiamo che sia io l'autrice) di una Tizia che ha scritto almeno 381 post, circa 1000 lettere ( e non, come di solito in molti giornali, rispondendo con tre o quattro righe), e legge il blog, compera il libro e dedica del tempo (che molti, entusiasti del libro, non dedicano) per avvertire la gente che NON deve comperare il libro, secondo te, deve essere considerato come uno che sta facendo un complimento al blog?
      Senza contare il fatto che la "critica" è "che l'autrice del blog ha detto "Se siete già lettori del mio blog, comperatelo se volete un vero e proprio corso di didattica pratica, perché troverete nel libro anche i post più seguiti, ma ampliati e organizzati":
      Come dire: macché corso di didattica! E' disorganizzato e ha ben pochi consigli! Una fregatura bella e buona! Non lo comperate, e leggete invece il blog, che è gratis! (E mi fa arrabbiare molto, Valerie, essere trattata come una che tira dei pacchi).
      Infine, Valérie: il libro è per i tanti che non usano il internet o per chi, come per esempio te, vogliono leggere le cose più importanti che dico nel blog.
      Ora, se mi dici che bisogna prenderla sul ridere (soprattutto per la parte che dice che i commenti sulla scuola e i ragazzi di oggi sono inutili), è quello che inizialmente ho fatto. Anche perché quei commenti sono la base di tutto quello che dico. Ma poi, se ci penso, mi stizzisco (diciamo così :--))
      Come dire? Trovo che sia come sputare nel piatto in cui si mangia (gratis).
      Ti sembra sbagliato?

      Elimina
    2. Non mi sembra sbagliato. Ma un certo libro e un certo blog mi hanno insegnato una cosa: vedere il positivo dove c'è il negativo è un modo per esorcizzare la stizza, ribaltare la situazione a nostro favore, ridere dei nostri denigratori. Quindi, perché no? ;-))
      Valérie

      Elimina
    3. ahahahahahah!! Hai ragione! Devo rileggere quel blog!

      Elimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010