La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

sabato 19 novembre 2011

Poveri bambini, i bambini poveri. 260°

Noi insegnanti ce ne siamo già accorti: è tornata la povertà.

L’Istat ci dice che i bambini poveri sono sempre di più. Lo sapevamo. Lo vediamo a scuola, nella Scuola dell’obbligo, dove vengono, bene o male, ancora tutti. Poi, i poveri, smettono di andare a scuola e vanno a lavorare. In nero.

I bambini e i ragazzi che vivono in condizioni di povertà sono 1.756.000. Un milione e settecentocinquantaseimila minori che hanno vestiti rammendati, di puro acrilico puzzolente , che non hanno libri, perché quando arriva il buono del Comune spendono i soldi per mangiare, che se sbagliano troppe volte non hanno i soldi per comperare un altro quaderno, che non portano il buono della mensa.

Bambini e ragazzi con genitori disoccupati che vivono alla giornata e che non sempre hanno da mangiare quello che serve per stare in salute. Piccole fiammiferaie e piccoli Oliver Twist italiani, che vivono nel paese dei Balocchi degli altri. Bambini poveri che saranno sempre di più, se l’Italia non cambia rotta.

Lo scorso inverno un neonato di ventitré giorni è morto di stenti perché i genitori non avevano una casa dove tenerlo al caldo. Povero bambino, che è stato duecento settanta giorni, al calduccio nel grembo di sua mamma e poi, uscito nel mondo, nel nostro mondo italiano, è riuscito a sopravvivere soltanto ventitré giorni.

Bisognerà che ci decidiamo a prendere coscienza di questo fatto terribile: in Italia ci sono tanti poveri e tantissimi bambini e ragazzi poveri. La povertà, quella di cui ci parlavano i nostri nonni, e che sembrava sconfitta dal boom economico è tornata.

Il benessere, a lungo andare, produce anche malessere.

I ricchi diventano sempre più ricchi. I poveri diventano sempre più poveri. Anche i bambini e i ragazzi. I nostri alunni, quelli che abbiamo davanti ogni giorno, ai quali chiediamo di acquistare questo o quello. E ai quali si chiede di portare un contributo per un ben non specificato “funzionamento didattico”, come se non fosse lo Stato quello che deve far funzionare la scuola dell’obbligo. E lo chiamano “volontario”, ma ci constringono a rimproverarli se non lo portano, perché, evidentemente, lo Stato non lo ha ancora accettato, questo ritorno della povertà.

Smettiamo di dire che i ragazzi di oggi hanno tutto, perché in realtà molti non hanno nulla. Da un po’ i ragazzi non hanno i genitori a casa, costretti a lavorare tutti e due; non hanno nessuno con cui giocare perché sono sempre soli. Adesso i genitori, disoccupati, sono a casa e litigano, perché la povertà non fa bene alla coppia, e non hanno più neanche il necessario per vivere in modo spensierato. I bambini imparano il senso di precarietà, che chissà ancora per quanto farà loro compagnia. Imparano che non sempre quando si ha fame si può mangiare o quando si ha sete si può bere. E a volte il cappotto è diventato piccolo, ma è obbligatorio metterselo ancora perché i soldi non ci sono.

A scuola facciamo le ricerche sulla povertà nel mondo e la povertà ce l’abbiamo davanti, al primo banco, nel banco in fondo a destra, nel terzo banco vicino alla porta.

Continuiamo a dire che i ragazzi si comportano male. Ma vorrei vedere noi e i nostri figli, se, tornando a casa stanchi e affamati, spesso non ci fosse nulla sul tavolo e nulla nel frigo.

I ragazzi poveri non hanno voglia di studiare, perché sono infelici e hanno ben altro a cui pensare.

Tutti i poveri sono uguali, ma i bambini poveri sono più poveri.

4 commenti:

  1. oltre alla povertà "reale" che dovrebbe farci riflettere sul nostro stile di vita...c'è anche una povertà di sentimenti molto preoccupante. i ragazzi riescono a considerare amici come parti imprescindibile della loro vita da un giorno all'altro senza avere vie di mezzo!o migliori amici o niete...o fidanzati o niente...

    RispondiElimina
  2. E' verissimo. Ma è un altro concetto, al quale dedicherò un altro post.
    Grazie della tua riflessione.

    RispondiElimina
  3. Professoressa Milani, sono una ragazza di prima superiore e questo suo blog mi ha davvero colpita.
    Nella mia famiglia, che è ormai da anni divisa in due a causa della separazione, da una parte si fa la fame e dall'altra posso permettermi un po' tutto. So cosa significa non avere i soldi, sentirsi un peso dei propri genitori che calcolano il figlio in euro e non in amore, che ti incolpano dei dieci euro che chiedi per la pizza e per i soldi che devi sfilare dal portafoglio per mangiare a scuola, dove costa tutto così caro. So che nella mia famiglia chi sta meglio ne è ossessionato dal denaro, e invece chi non ne ha sa pensare anche a qualcos'altro. un genitore amorevole non si calcola in denaro, ma è anche vero che con i tempi che corrono il denaro è veramente a capo di tutto. Prima lo erano le relazioni, ora lo sono i soldi, viviamo per quelli e ci mangiamo le dita quando non ci sono.
    La mia famiglia non è stata in grado di ''addomesticarmi'' e quindi ormai sono indipendente, solo che io ho capito che certe cose non si fanno, e più che fare l'amore con il mio ragazzo e fumare una sigaretta ogni tanto non faccio, ma vedo che questi genitori fantasma stanno rovinando amici, conoscenti e ragazzi che incontro spesso ma non conosco..
    E questi insegnanti che se ne fregano, questi insegnanti che discriminano, questi insegnanti che ti fanno sentire stupido non servono.
    Oltre alla matematica, lettere, psicologia, dovete secondo me essere in grado di insegnarci a come diventare uomini e donne, e dopo un secolo ormai la scuola deve prendere seriamente in mano il compito di insegnare anche quello che in casa, non si insegna più.
    (vorrei rimanere anonima, ma preferisco metterci quel po' di muso che posso)
    Un saluto professoressa,
    Gioia.

    RispondiElimina
  4. Cara Olimpia, ti ringrazio di avermi fatto sapere che hai apprezzato il mio blog. Fra le righe del tuo commento leggo che sei una ragazza matura, nonostante la tua giovane età. E a volte è proprio il disagio che nasce da una separazione, anche se consensuale, ti spinge a crescere.
    Dici: "La mia famiglia non è stata in grado di ''addomesticarmi'' e quindi ormai sono indipendente, solo che io ho capito che certe cose non si fanno, e più che fare l'amore con il mio ragazzo e fumare una sigaretta ogni tanto non faccio". Su questo passaggio ho delle perplessità, ma non mi hai chiesto consigli su questo e perciò non te ne darò.

    Hai ragione quando dici che gli insegnanti dovrebbero insegnare come diventare uomini e donne. Sarebbe opportuno e cerchiamo di farlo, ma non è giusto. Sono i genitori che dovrebbero imparare a farlo, perché se davvero riuscissimo a farlo noi in vece loro, diventeremmo noi le figure di riferimento più importante per i ragazzi. E non è giusto.
    Continua a leggermi, allora :-)

    RispondiElimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010