La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

lunedì 16 agosto 2010

La logica è molto semplice. 79°

Pasticciere ruba confezioni di pistacchio, sacchetti di mandorle, mozzarella, zucchero, carta da forno. Quindi tutti i pasticcieri sono ladri.
Gelataio vende marijuana per conto di spacciatori. Quindi tutti i gelatai sono spacciatori.
Ferroviere estorce denaro a ditta di pulizie. Quindi tutti i ferrovieri sono estorsori.
Automobilista imprenditore picchia con un bastone un ciclista ad un semaforo. Quindi tutti gli automobilisti che sono anche imprenditori picchiano i ciclisti ai semafori.
Un albanese ruba dei “gratta e vinci” in un’edicola. Gli albanesi rubano i “gratta e vinci” nelle edicole.
Allevatore di bestiame favorisce la latitanza di un boss mafioso. Gli allevatori sono mafiosi.
Nonna schiaffeggia una maestra. Le nonne schiaffeggiano le maestre.
Ottantenne uccide a fucilate un ragazzo che faceva rumore con un motorino. Gli ottantenni uccidono i ragazzi che fanno rumore.
Ragazzini seviziano e impiccano un piccolo cane di razza yorkshire. I ragazzini uccidono e seviziano i cani piccoli.
Commercialista vende e produce foto e filmini erotici con minorenni. I commercialisti sono pedofili.
Commercialista realizza un allaccio abusivo al gas metano. I commercialisti, oltre che pedofili sono anche ladri.
Nomade incinta lancia sassi dal cavalcavia. Le nomadi incinte lanciano sassi dai cavalcavia.
Macellaio utilizza carte di credito clonate. I macellai usano carte di credito clonate.
Muratore ruba a casa dei datori di lavoro. I muratori rubano a casa dei datori di lavoro.
Medico chiede mazzetta di seimila euro per certificare l’invalidità ad un uomo vittima di un incidente stradale. I medici chiedono tangenti.
Un’infermiera gestisce una casa squillo mascherata da centro di massaggi olistici. Le infermiere gestiscono case squillo.
Commessa deruba un’anziana. Le commesse derubano le anziane.
Una ragazza moldava sorpresa a rubare morde la commessa. Le ragazze moldave sono ladre e mordono.
Maestra tira i capelli, schiaffeggia e spintona gli alunni. Le maestre picchiano i bambini.
Professore chiede prestazioni sessuali in cambio di voti. I professori abusano delle alunne adolescenti.
La mia professoressa di chimica era un’oca, la mia professoressa di inglese era sempre in ritardo, la mia professoressa di educazione fisica ci lasciava soli in palestra. Le professoresse sono oche, ritardatarie, e lasciano i ragazzi senza sorveglianza.
Il mio professore di filosofia offendeva gli alunni, il mio professore di disegno era un donnaiolo, il mio professore di musica leggeva il giornale invece di fare lezione, il mio professore di matematica spiegava malissimo, il mio professore di italiano era sempre assente. I professori sono donnaioli, spiegano malissimo, sono assenteisti e offendono gli alunni.
La logica è molto semplice.
Ma non sarebbe ora di pensare un po’ di più prima di generalizzare?

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010