La professoressa Isabella Milani è online

La professoressa Isabella Milani è online
"ISABELLA MILANI" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy dei miei alunni, dei loro genitori e dei miei colleghi. In questo modo ciò che descrivo nel blog e nel libro non può essere ricondotto a nessuno.

visite al blog di Isabella Milani dal 1 giugno 2010. Grazie a chi si ferma a leggere!

SCRIVIMI

all'indirizzo

professoressamilani@alice.it

ed esponi il tuo problema. Scrivi tranquillamente, e metti sempre un nome perché il tuo nome vero non comparirà assolutamente. Comparirà un nome fittizio e, se occorre, modificherò tutti i dati che possono renderti riconoscibile. Per questo motivo, mandandomi una lettera, accetti che io la pubblichi. Se i particolari cambiano, la sostanza no e quello che ti sembra che si verifichi solo a te capita a molti e perciò mi sembra giusto condividere sul blog la risposta. IMPORTANTE: se scrivi un commento sul BLOG, NON FIRMARE CON IL TUO NOME E COGNOME VERI se non vuoi essere riconosciuto, perché io non posso modificare i commenti.

Non mi scrivere sulla chat di Facebook, perché non posso rispondere da lì.

Ricevo molte mail e perciò capirai che purtroppo non posso più assicurare a tutti una risposta. Comunque, cerco di rispondere a tutti, e se vedi che non lo faccio, dopo un po' scrivimi di nuovo, perché può capitare che mi sfugga qualche messaggio.

Proprio perché ricevo molte lettere, ti prego, prima di chiedermi un parere, di leggere i post arretrati (ce ne sono moltissimi sulla scuola), usando la stringa di ricerca; capisco che è più lungo, ma devi capire anche che se ho già spiegato più volte un concetto mi sembra inutile farlo di nuovo, per fare risparmiare tempo a te :-)).

INFORMAZIONI PERSONALI

La mia foto
La professoressa Milani, toscana, è un’insegnante, una scrittrice e una blogger. Ha un’esperienza di insegnamento alle medie inferiori e superiori più che trentennale. Oggi si dedica a studiare, a scrivere e a dare consigli a insegnanti e genitori. "Isabella Milani" è uno pseudonimo, scelto per tutelare la privacy degli alunni, dei loro genitori e dei colleghi. È l'autrice di "L'ARTE DI INSEGNARE. Consigli pratici per gli insegnanti di oggi", e di "Maleducati o educati male. Consigli pratici di un'insegnante per una nuova intesa fra scuola e famiglia", entrambi per Vallardi.

SEGUIMI su facebook

SEGUIMI SU TWITTER

Se vuoi seguirmi clicca su SEGUI

domenica 11 dicembre 2011

Ragazzi, che cosa aspettate a recensire il libro?

Carissimi lettori del libro e del blog, che cosa aspettate a recensire il libro "Consigli pratici per giovani insegnanti"?
Seguite l'esempio di questi bravi lettori che lo hanno recensito su LULU* e su AMAZON.

Bastano anche poche parole! Non siate timidi!
Voi lettori del blog siete la mia unica forma di pubblicità, ricordatelo! :-)
Grazie!



*E voi che lo avete così bene recensito su LULU, ricopiate la recensione su Amazon, se siete già clienti di Amazon :-)

3 commenti:

  1. Prima che il tornado dei preparativi natalizi mi "rapisca" lascio qui i miei auguri: grazie Isabella per aver condiviso la tua esperienza con noi, in bocca al lupo a tutti coloro che si sono messi in gioco confidando le proprie difficoltà. AUGURI A TUTTI!!!!

    RispondiElimina
  2. Buongiorno professoressa, mi chiamo Loredana,mio figlio frequenta la terza elementare. Ultimamente prende molte note e punizioni dai due soliti insegnanti... Visto che per mio figlio è ormai una routine avere queste punizioni e le note,io penso che gli insegnanti dovrebbero cambiare metodi... magari chiedendosi come mai mio figlio si distrae e cerca di disturbare la lezione. Anche perché si è entrato in un giro che qualunque cosa accade è sempre colpa di mio figlio.Io a casa non so più cosa fare ho provato anch'io con le punizioni oppure a parlargli in modo tranquillo...ma penso che sia un problema di maturità che ancora deve avvenire, anche se lui è stato sempre vivace e chiacchierone fin da piccolo.Grazie Loredana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentile Loredana, credo che sia lei per prima, come madre, a chiedere a se stessa perché suo figlio si distrae e disturba la lezione. Gli insegnanti non possono lasciar passare. E quali metodi potrebbero seguire se lei a casa - con uno solo- non riesce a trovarne uno valido? Dice "è sempre colpa di mio figlio", come se fosse sicura che si tratti solo di un circolo viziso. E se invece il comportamento di suo figlio è davvero molto scorretto? Non è colpa né del bambino, né delle maestre e neppure sua, perché penso che abbia cercato di fare del suo meglio. Ma deve davvero chiedersi (magari anche con l'aiuto di uno specialista) perché il bambino di comporta così. Magari c'è nel vostro comportamento di genitori qualcosa di (involontariamente) sbagliato.
      Il problema va affrontato prima a casa e poi a scuola. Ma soprattutto, va affrontato tutti insieme.

      Elimina

DESIDERI ESSERE AVVERTITO VIA MAIL DELLA PUBBLICAZIONE DI NUOVI POST? Inserisci la tua email

ULTIMI COMMENTI

La professoressa Milani è anche su facebook.

La professoressa Milani è anche su facebook.
CHIEDETELE L'AMICIZIA!!

Archivio blog dove potete leggere tutti i blog dal primo, del 31 maggio 2010